L'assicuratore risponde
(Camperlife Giugno 2014)

(Scarica l'articolo in formato PDF)

Non passa lo straniero

Il problema del caro-assicurazioni è reale ma, per risparmiare, spesso si corrono inconsapevolmente rischi altissimi. Una lettrice ci chiede: se costa meno, posso assicurare il camper con una Compagnia spagnola? Eleonora Toninelli spiega quali sono le controindicazioni.

Buongiorno, ho sentito dire che, per abbattere i costi dell'assicurazione, alcuni stipulano il contratto con assicurazioni non italiane (a me hanno parlato, in particolare, di società spagnole, per esempio). Vorrei sapere: effettivamente, si può fare? Conviene? Quali sono i pro e i contro? Grazie per i chiarimenti che vorrete darmi. - Annalisa, via mail

Risparmiare, cercare "quello che costa meno", abbattere i costi: questo l'atteggiamento attuale di molti automobilisti nell'approcciarsi all'assicurazione, in particolar modo per la stipula della garanzia di Responsabilit√† Civile Auto. Concludere un contratto "oltre confine" (ma non solo!) spesso può non essere sinonimo di tutela e di tranquillità.

I rischi che corriamo? Secondo la mia esperienza, tre i principali:

  1. la Compagnia con la quale si stipula il contratto non è presente negli elenchi delle Imprese ammesse a operare in Italia nella R.C. Auto o natanti obbligatoria;
  2. non aderisce alle Convenzioni Nazionali (vedi ad esempio Cid);
  3. non è un'impresa solvibile.

Le conseguenze? Nel primo caso, ad esempio, si può incorrere nella stipula del contratto con un'impresa non riconosciuta in Italia o, peggio ancora, avere a che fare con una Società cosiddetta "fantasma", con la conseguente non copertura della garanzia.
Altro imprevisto spesso segnalato è la commercializzazione di polizze R.C. Auto contraffatte, intestate a Società realmente esistenti ma ignare dell'utilizzo del loro "marchio". Peggio ancora, quando le contraffazioni sono effettuate con Società non esistenti.

Come tutelarsi? Nel sito web dell'IVASS (www.ivass.it) — che ricordo essere l'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni — è possibile controllare in sezioni apposite le imprese e gli intermediari regolarmente iscritti agli Albi di appartenenza, con specificata per le Imprese e i Gruppi Assicurativi l'indicazione dei Rami abilitati per singola Società, oltre a quelle abilitate alla stipula di polizze R.C.Auto.

Il secondo rischio, generalmente, viene "scoperto" dal cliente al momento della necessità. Non sempre chi stipula contratti con Compagnie non aderenti a "Convenzioni / Accordi" viene preventivamente informato.

Il consiglio? Affidarsi sempre a un professionista, a un agente, a un'Impresa / Compagnia di Assicurazione qualificati e affidabili sotto tutti i punti di vista.

Eleonora Toninelli