L'assicuratore risponde
(Camperlife Gennaio 2014)

(Scarica l'articolo in formato PDF)

UN TANTO AL CHILOMETRO

La domanda di un lettore è: sono convenienti le polizze per cui si paga solo in base ai chilometri percorsi?

“Buongiorno, ho sentito parlare di polizze assicurative che legano il premio annuale ai chilometri percorsi. Ho un camper, che uso solo per le vacanze estive e per un paio di week end (o ponti) durante l’anno. Ritenete che potrebbe essere una scelta conveniente, nel mio caso?” Alfonso — Nonantola (Modena)

Sono le cosiddette “polizze a consumo”, maggiormente conosciute per le autovetture e i motocicli. Parlando esclusivamente della garanzia RCA (Responsabilità Civile Auto) viene comunemente riportato che il “premio viene calcolato sulla base di km effettivamente percorsi”. Detto così può sembrare estremamente conveniente, ma è bene chiarire i criteri di funzionamento di queste tipologie di polizze, onde evitare brutte sorprese.

In genere, tutte le Compagnie che gestiscono questi contratti, richiedono al momento dell’adesione di polizza, oltre alla scelta di una fascia di chilometri presunti percorsi durante l’anno (sulla quale viene calcolato il premio minimo), l’installazione di un dispositivo satellitare, in modo da poter effettuare il monitoraggio automatico dei chilometri realmente percorsi.

Alla sottoscrizione del contratto, il cliente dovrà indicare oi riferimenti della propria carta di credito o le coordinatebancarie (Rid) per l’addebito automatico del costo per i chilometri successivi percorsi, oltre alla fascia alla quale si è aderito e per la quale si è pagato il premio minimo iniziale (che rimane comunque acquisito dalla Compagnia).

È bene ricordare che la mancata corresponsione del premio per il maggior numero di chilometri percorsi comporta, in caso di sinistro, rivalsa da parte della Compagnia nei confronti del proprio Assicurato. Si deve inoltre tenere in considerazione anche eventuali ulteriori costi (di installazione / disinstallazione e/o abbonamento al servizio satellitare), che potrebbero essere sommati al premio di polizza, magari scoperti solo successivamente.

Valutate sempre attentamente nel dettaglio le condizioni contrattuali, perché molte volte il risparmio iniziale non è sinonimo di convenienza.

Eleonora Toninelli