L'assicuratore risponde
(Camperlife Gennaio 2016)

(Scarica l'articolo in formato PDF)

Oltre al danno, la beffa

Un amico camperista viene derubato dell’autocaravan. Come se non bastasse, si vede recapitare una richiesta di risarcimento danni per un incidente fatto proprio dai ladri. Quali sono le tutele di chi incappa in questa situazione?

A volte ci sono delle storie che sembrano incredibili. È quello che mi sono detto quando, dopo il furto del mio autocaravan, mi sono visto recapitare una richiesta di risarcimento danni per un incidente causato dai ladri. Così, se da una parte mi devo ritenere fortunato per aver ritrovato il mezzo, dall’altra ho dovuto ripagare i danni e mi son dovuto sorbire le ‘noie’ della burocrazia connessa alla denuncia. La mia domanda può sembrare banale ma a me sorge spontanea: in questi casi si è tutelati? In che misura? Giorgio – posta elettronica

È proprio vero: spesso accadono cose che hanno dell’incredibile. Cose che, come si dice, si vedono solo in tv o si leggono solo sui giornali. Tutti ci riteniamo immuni da queste situazioni perché le vediamo “lontane”. Ma a volte accadono proprio a noi ed ecco che l’incredibile diventa realtà.

Questo purtroppo è il caso del nostro amico camperista, da anni proprietario di un autocaravan che un giorno si è visto rubare. Prima di rispondere, per far meglio comprendere la situazione, ritengo importante fare un breve riassunto della storia che Giorgio mi ha dettagliatamente raccontato nella sua mail. Come tutti coloro che ne hanno la possibilità, anche Giorgio rimessava l’autocaravan all’interno del suo cortile ritenendosi, come ci ha raccontato, immune da qualsiasi pericolo.

Qualche mese fa, la brutta sorpresa: rientrando a casa ha notato che dei ladri si erano introdotti nell’abitazione e, dopo aver trovato le chiavi, se n’erano andati a bordo dell’autocaravan. Ovviamente a questo punto ha fatto denuncia. E l’epilogo è quello pubblicato qui sopra.

Siamo di fronte a un doppio problema. Da un lato c’è il furto, dall’altro la responsabilità civile verso terzi. Partiamo da quest’ultima. Con la tempestiva denuncia alle autorità e la relativa comunicazione alla propria compagnia di assicurazione, abbiamo la tutela nei confronti dei danni arrecati successivamente al furto. Infatti, in caso di incidente, i danni ai terzi saranno risarciti dal Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada ex art.283 del codice delle assicurazioni che, ricordo, viene sfruttato solo ed esclusivamente se il veicolo è stato posto in circolazione contro la volontà del proprietario.

In secondo luogo c’è il furto: se si è assicurati, dobbiamo verificare di avere le giuste estensioni per i danni subiti dal veicolo in conseguenza della circolazione abusiva successiva al furto o alla rapina (comunemente vengono in questo caso esclusi i danni alle parti meccaniche che non siano direttamente conseguenti a collisione, urto o ribaltamento). Dobbiamo altresì verificare che ci sia una specifica di copertura dell’evento a seguito di furto delle chiavi con destrezza o all’interno dell’abitazione di chi ne detenga legittimamente il possesso (al momento questa clausola non è di dominio comune, ma di esclusiva deroga da parte di poche compagnie).

Giorgio purtroppo non aveva assicurato il veicolo contro il furto, perché non lo riteneva un caso probabile. Le tutele possono esserci, ma dobbiamo “costruircele”. Dobbiamo insomma verificarle.

Le polizze non sono tutte uguali: fate sempre attenzione al Fascicolo Informativo e cercate di capire bene cosa è compreso e cosa no. Per ulteriori chiarimenti non esitate a contattarmi, sia tramite la redazione di CamperLife che direttamente scrivendo alla mia mail personale etoninelli@agenzietoninelli.it.

Eleonora Toninelli