01/10/2016

Terramare fa scuola di sport e ambiente anche a Cecina



Riportiamo di seguito il comunicato stampa inviatoci dall'Associazione Terramare, riguardante le nuove attività nella zona di Cecina

Dalla Maremma un modello di specializzazione

Accordo didattico con il Liceo Sportivo Gemelli 2.0: 134 ore di lezioni teorico-pratiche su come scoprire e vivere il territorio attraverso la canoa, il SUP e l'escursionismo

Comincerà a ottobre e durerà fino a maggio il progetto innovativo che l’associazione maremmana Terramare svilupperà con il nuovo LICEO SPORTIVO di Cecina dove si alterneranno lezioni di Geografia ed Ecologia applicata con lezioni pratiche di Canoa, SUP ed Escursionismo.

Non era mai accaduto prima che ad un'associazione sportiva fosse affidato un intero modulo didattico da sviluppare all'interno di una struttura scolastica nell'ambito di un intero anno scolastico.

Dal 20 ottobre il progetto “Sport e ambiente: canoa, sup, trekking per studiare il territorio in sicurezza” si svilupperà nell'ambito di 26 appuntamenti settimanali (134 ore totali) di 5 ore ciascuno con l'obiettivo di insegnare ai giovani studenti di 14/15 anni le tecniche e i rudimenti culturali degli sport fluviali, marini compreso l'escursionismo a terra.

Gli istruttori (a questo punto anche docenti) di Terramare svilupperanno tutta la parte riguardante l'ecologia e la geografia applicata ai principali corsi d'acqua, i litorali sabbiosi e rocciosi e le principali aree naturali della Toscana.

Per alcuni incontri è previsto anche il potenziamento della lingua inglese con l’insegnante madrelingua su tematiche specifiche, il tutto senza mai perdere di vista il concetto importante di sicurezza con l'organizzazione di un corso di BLSD in collaborazione con la struttura ospedaliera di Cecina.

Il LICEO SPORTIVO GEMELLI 2.0 dopo la partnership con PAOLO BETTINI, GIULIA QUINTAVALLE, il PROF. Ferruccio CHIESA (PRIMARIO DI CARDIOLOGIA ed ESPERTO DI SUBACQUEA ha deciso di coinvolgere l’associazione TERRAMARE in un progetto scolastico INNOVATIVO.

“Un percorso specialistico importante – spiega Maurizio Zaccherotti, presidente dell’associazione Terramare – che darà modo ai ragazzi di imparare non solo teoria e pratica dei vari sport marini e fluviali, ma soprattutto di conoscere l'ecologia e la geografia del territorio per avere tutti gli strumenti per poterlo esplorare al meglio in sicurezza. L’obiettivo del progetto è anche quello di aprire un legame non solo con il territorio regionale ma anche con quello nazionale per esportare così dalla Maremma tecniche e conoscenze”.

Il progetto si divide in 4 moduli: canoa, SUP, trekking, sicurezza e primo soccorso, e ad ogni appuntamento saranno presenti due tecnici esperti che svilupperanno la parte teorica e quella pratica. Incluse nelle 134 ore di lezione anche 8 ore relative al BLSD il corso di primo soccorso. Per informazioni: www.terramareitalia.it.

DOCUMENTI SCARICABILI: